Visualizza Locandina


30 maggio Festa Liturgica

del Beato Carlo Liviero


Orbene: Iddio, con un tratto sì segnalato della Sua misericordia ci offre oggi una occasione tanto propizia per ritornare al Suo amore; non facciamo i sordi ma corriamo unanimi ad ascoltare i suoi ammonimenti e le sue ispirazioni.

[Carlo Liviero, in «Voce di Popolo», 8 dicembre 1923]

Ed il Signore, sempre ricco di misericordia,

ci apre le braccia, ci invita al Suo Cuore,

ardente di santissimi affetti.

[Carlo Liviero, lettera del 13 novembre 1929]


"VOI SIETE LA MIA FAMIGLIA!"

"Voi siete la mia famiglia!", quanto ha scritto nel salutare la sua diocesi, è divenuto quest'anno lo slogan della festa liturgica del Beato Carlo Liviero.

Mercoledì 30 maggio  gli alunni della Scuola Paritaria Sacro Cuore, scuola voluta dal Beato per soccorrere la miseria culturale e morale dei bambini più poveri della città, hanno animato la solenne Concelebrazione liturgica presieduta dal vescovo diocesano mons. Domenico Cancian, dal vescovo emerito Pellegrino Tomaso Ronchi e dal tifernate mons. Ivo Baldi vescovo di Huaraz (Perù).

Hanno pregato, cantato con tutto l'entusiasmo dei loro pochi anni e hanno riempito di gioia e di speranza la severa navata della cattedrale.

Erano tanti i bambini: i più grandi della Scuola dell'Infanzia e tutti quelli della Scuola Primaria che insieme alle loro preghiere hanno portato davanti a Gesù gran parte delle loro attese, delle loro gioie, delle ansie e dei dolori del mondo.

Hanno chiesto un "arcobaleno di pace" intorno al mondo, tanta sicurezza e amore per le loro famiglie, e hanno pregato per tutti coloro che soffrono nei paesi dell'Emilia colpiti dal terremoto di questo giorni.

Nell'omelia il vescovo  ha ricordato quanto l'azione pastorale di Carlo Liviero sia stata rivolta alla famiglia. Nelle sue Lettere Pastorali e in Voce di Popolo, il settimanale diocesano da lui fondato appare spesso il monito: “Ai genitori raccomandiamo vivamente di curare l’istruzione dei figli”.

Egli sa che molte sono le agenzie che concorrono alla formazione e all’educazione del bambino, ma sa con certezza che "la prima scuola è quella della famiglia, dove i figli apprendono le norme su cui regolare la loro vita" e che  "la prima educazione si fa in casa, sulle ginocchia dei genitori” ai quali raccomanda: “insegnate con l’esempio più che con le parole” (Lettera Pastorale, marzo 1921).

Carlo Liviero attraverso le sue Lettere Pastorali, e Voce di Popolo invita i genitori a offrire ai loro figli ideali e valori e mtte in guardia dalla tentazione di investire in un’immagine frivola e vana.

 "Mentre a Milano si sta svolgendo l'"Incontro mondiale della famiglia", abbiamo riscoperto l'attualità del messaggio di Carlo Liviero, ha sottolineato il vescovo, il quale ha sempre riconosciuto la "sacralità" della famiglia dove l'amore e il rispetto reciproco devono essere il collante dei suoi membri e luce che fa scoprire ogni giorno un cuore nuovo capace non solo di amare, ma di accogliere, condividere, attendere e perdonare".

Carlo Liviero viveva nel suo tempo, ma aperto ai grandi venti della storia, attento a tutti i segni che la storia ci offre. Attenzione che continua con le suore da lui fondate, in cammino sulle orme dell'uomo, dell'uomo nel bisogno, nei luoghi di povertà e sofferenza: all'offertorio i bambini hanno portato all'altare sei ceri accesi per simboleggiare l'unione con tutte le figlie di Carlo Liviero che in alcuni paesi del mondo, Kenya, Albania, Ecuador, Uganda. Kabul, oltre che in Italia e nella Svizzera,  attraverso il servizio della carità parlano agli uomini dell'amore di Dio.

La concelebrazione si è conclusa nella cripta dove è conservato il corpo del Beato. 


  In Italia, in Kenya, in Albania, in Ecuador e in altri paesi si sta preparando la memoria del Beato Carlo Liviero

  Auguri di Santità: che cosa sono i santi se non gli amici di Dio?

 

  Amico di Dio e Profeta: sono questi i caratteri della fisionomia del Beato Carlo, Vescovo di questa amata Diocesi tifernate, che colpiscono particolarmente.

 Amico di Dio: Cosa sono i Santi se non gli amici di Dio? Amici perchè lo conoscono, lo amano, lo incontrano, lo seguono, condividono con lui gioie e speranze. l'amicizia richiede    reciprocità e risposta: tutto questo Carlo Liviero visse in relazione al suo Dio con esperienza assoluta e coinvolgente di comunione e di amore, quell'amore di cui il Vangelo dice: " Se  uno mi amaosserverà la mia Parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui". ( Gv 14,23)....

  ...Profeta: di questaesperienza con il suo Dio, egli non volle farne un tesoro geloso per sè, ma obbediente, si spogliò di tutto se stesso per arricchire molti.

 li arricchì innanzitutto con la ricchezza più grande che un uomo debba desiderare, lo Spirito di Dio, che egli comunico nell'annuncio evangelico instancabile ed incondizionato.  Arricchì i suoi figli con il bene che non perisce, quello della vita eterna, cui condusse quanti Dio gli aveva affidato con cura infaticabile e costante.

 Arricchì tutti quelli che erano poveri di pane, di forze, bisognosi di assistenza, cure , attenzione, istruzione, con la spesa dei suoi talenti terreni ad edificazione del Regno di Dio.

Amico di Dio e Profeta di Dio, amico degli uomini  e profeta degli uomini....

Dall'omelia del Card. Saraiva Martins ( 27 maggio 2007)

 Celebrazioni e incontri
Spaziatore
Scarica file   TRIDUO IN PREPARAZIONE ALLA FESTA DEL BEATO CARLO LIVIERO 2015
Quest’anno il triduo in preparazione alla festa del Beato Carlo Liviero vuole aiutare tutti noi a rendere il nostro grazie a Dio e a pregare lasciandoci guidare dal testo della bolla di indizione del giubileo straordinario Misericordiae vultus, cioè
Spaziatore
Spaziatore
  Spaziatore New - 05/06/2012
Scarica file   Voi siete la mia famiglia
Celebrazione Eucaristica animata dai bambini della scuola "Sacro Cuore"
Spaziatore
VOISIETELAMIAFAMIGLIA.pdf

Tipo documento: PDF File
Dimensione Bytes: 396.203 Bytes
Spaziatore
  Spaziatore New - 27/04/2011
Scarica file   Carlo Liviero e santa Veronica
La Diocesi di Città di Castello celebra i 350 anni dalla nascita di S. Veronica Giuliani
Spaziatore
CarloLivieroeS.veronica.pdf

Tipo documento: PDF File
Dimensione Bytes: 300.625 Bytes
Spaziatore
 

Esci Home